La Mobilità ai tempi del Covid

Uno studio commissionato dopo la fine del lockdown legato alla pandemia del Covid-19 lascia ben sperare gli amanti della bici.
Il report dal titolo “How Covid 19 will shape urban mobility” è stato commissionato da una società di consulenza europea.


I ricercatori intervistando ben 5000 cittadini hanno scoperto che più di un terzo (esattamente il 37%) ha variato le sue abitudini in tema di mobilità urbana, prediligendo mezzi che possano garantire il distanziamento sociale, bicicletta in testa. In tale contesto spicca sicuramente il ruolo degli italiani.


Il nostro popolo è sicuramente attratto dalle macchine (tanto che siamo il secondo paese che utilizziamo la macchina come mezzo principale) ma per i ricercatori saremo anche il popolo, che più degli altri nei prossimi 12/18 mesi procederà all’acquisto di una due ruote.


I ricercatori puntano l’attenzione però su come l’acquisto della bici sia condizionato fortemente dal varo del bonus bici. Un aiuto governativo che però ancora non è entrato pienamente a regime.


Sempre lo stresso studio analizza come negli USA e in Cina sia stato un vero boom del bike sharing. Si prospetta per il futuro italiano quindi anche una grande richiesta di bici condivisi.


Lo studio è stato accolto favorevolmente dagli utilizzatori delle bici, pronti però a richiedere alle istituzioni più sicurezza e infrastrutture dedicate.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.