Un bel viaggio….

E mentre tutta Italia parla di elezioni io parlo di Giuseppe.

Chi è Giuseppe?

L’ho incontrato stamani mentre sgambettavo con la mia “miss orange”, all’inizio mi sembrava il solito cicloturista straniero che attratto dalle nostre bellezze viaggiava a bordo della sua bici visitando il bel paese.

Mi conoscete e sapete benissimo che non riesco a evitare di conoscere la gente che attira la mia curiosità.

Lui non è straniero ma italianissimo, viaggia in sella alla sua bici (con carrello annesso) assaporando la libertà che solo un viaggio in bici può dare.

Viene da Londra e si è fatto tutta la costa italiana per arrivare a Sciacca, adesso sta risalendo scegliendo la costa adriatica per ritornare alle Canarie.

Non ha bici alla moda, ne completini tecnici, ne navigatori ultrasofisticati, si basa su una cartina “cartacea” e sulla sua esperienza di cicloturista alla…vecchia maniera.

È partito quasi per gioco ma poi la voglia di pedalare non lo ha lasciato più, una voglia che ti apre la mente e ti fa pensare a quante cose futili abbiamo nel presente.

Abbiamo parlato poco ma in fondo non serve molto per conoscere una persona

Giuseppe è una bella persona e spero che dalla vita abbia sempre il meglio, perché la vita non è fatta solo di smartphone e macchine di lusso ma anche di quella libertà che a volte fornisce la spinta per andare avanti.

Buon vento Peppe e pedala sempre con la stessa passione con cui parli dei tuoi viaggi passati, e di quell’equilibrio che grazie a quei viaggi hai trovato.

Domenico

Oh il popolo italiano…..

Il popolo italiano è un popolo strano, molto strano.

Prontissimo per infervorarsi per una partita di pallone, attaccato al televisore per il festival di Sanremo, capace di far debiti per avere il Mercedes in garage ma….allo stesso tempo abulico per scegliere i propri rappresentanti, consenziente con il furto del futuro dei propri figli, impassibile quando giovani ragazze sono uccise e fatte a pezzi allo scopo di essere messe in una …valigia.

A volte mi domando come siamo riusciti nel passato a raggiungere le vette nelle scienze, nello sport, nelle arti.

Il 4 marzo si voterà qualcuno parla di campagna elettorale? Siam tutti impegnati a guardare il festival o in alternativa a legiferare sul rigore non dato alla Viola.

Ah il popolo italiano un popolo davvero strano….di cui però orgogliosamente faccio parte.

Domenico

Lucca e le sue …mura.

Ho viaggiato in Italia e all’estero e sempre ho trovato spunti interessanti dalle città che ho visitato.

Oggi vorrei parlarvi di Lucca, piccola cittadina toscana, che secondo me è una delle città più belle d’Italia, se non la più bella.

Lucca è un vero gioiello incastonato in un panorama fatto dalle montagne toscane, che rimangono sullo sfondo come in una presenza discreta ma sempre presente. Una delle sue particolarità è quella di avere, insieme a pochissime altre città del bel paese, ancor oggi le mura di difesa perimetrali integre, mura sulle quali si può passeggiare percorrendo a piedi o in bicicletta l’intero diametro della cittadina. Passeggiando su di esse non si potrà pensare ai vecchi ingegneri del passato, gente che senza le tecnologie odierne riuscivano comunque a fare delle opere grandiose.

All’interno delle mura i vicoletti si susseguono, donando al viaggiatore scorci unici e bellissimi. La via principale (Via Fillungo) scorre per oltre mezzo chilometro, offrendo senza soluzione di continuità negozietti antichi che si alternano ai nomi delle grandi griffe.

Da non farsi mancare una visita alla piazza Anfiteatro (una piazza perfettamente circolare sede nel passato dei giochi organizzati dai Romani) la Chiesa di San Michele, il Duomo e la Torre Guinigi, tutti racchiusi nel centro storico e incastonati tra antichi palazzi rinascimentali.

La città per la sua piccolezza è visitabile in un week end, molte le strutture ricettive come molte le osterie in puro stile toscano dove assaporare le prelibatezze della regione.

Lucca è facilmente raggiungibile in aereo, stante che lo scalo più vicino, quello di Pisa, dista meno di una trentina di chilometri.

Visitatela se potete e perdetevi nelle prime ore del giorno guardando il bellissimo prato verde che fa da sfondo alle mura, se sarete fortunati la brina che si alza dall’erba vi fornirà uno spettacolo unico, uno spettacolo nel quale con un po’ di immaginazione vedrete arrivare a cavallo gli antichi cavalieri che difendevano la città dagli attacchi.

Lucca è inserita finanche nel percorso della Via Francigena, una via che prima o dopo percorrerò in bicicletta in direzione….Regno Unito (ma questo è un altro discorso).

Domenico