Povera Italia

news_43042_italia-da-ricostruire

Il PD che litiga come se non ci fosse un domani, il cinque stelle che si arrovella sulla querelle Roma, città nella quale un amministrazione che non riesce a decollare e perde pezzi ogni giorno che passa, un centro destra che riconosce nei suoi leader Salvini e la Meloni, e in cui i cittadini auspicano il ritorno del Berlusca.

Questa è la politica italiana una politica in cui l’autoreferenzialità la fa da padrona, in cui i cittadini sono cosi tanto stufi da non voler sentire parlare neppure di elezioni, in cui il paese viene governato da un governo che vivacchia.

Altro che voto, penso che sarebbe bene se questa è la politica italiana fare semplicemente…il passaporto.

Domenico

Le tante cose dell’ammisistrazione spadaforese!!!!

Tra le tante, tantissime, direi quasi moltissime cose che l’amministrazione del nostro paese ha realizzato (!!!) e che continua a realizzare grazie all’encomiabile, anche se pagata, opera dei quattro assessori, vi è la manutenzione delle strade, in special modo del lungomare.

Su una delle strade piu trafficata dei cittadini spadaforesi, e dei turisti estivi, spicca la mancanza di buche e l’ottima conservazione della segnaletica stradale.

Un esempio è il dosso artificiale delle scuole medie, un perfetto deterrente per diminuire la velocità degli automobilisti e permettere l’attraversamento dei bambini, va da se che il dosso perfettamente segnalato è importantissimo, e per questo ottimamente manutenzionato.

Le foto sotto ne sono un esatta riprova.

Domenico

20170210_070118

20170210_070616

La polizza vita….questa sconosciuta!

raggi

Non mi interessa se la Virginia è sotto attacco o meno, mi interessa di più capire le dinamiche che hanno portato tutti coloro che predicavano pulizia e trasparenza, a dire “non so” e “non ricordo”.

Non so se la Raggi sapesse o meno, ma non so neppure perché il suo capo della segreteria l’avesse resa beneficiaria di una polizza, caso morte, di 30.000 euro, so solamente che suona strano la sua promozione .

Non so se Marra a sua volta ha avuto il fratello promosso per meriti o per altre causa, so solo che anche in questo caso siffatta promozione suona ancora più strana..

Per non parlare della Muraro, dei tanti assessori scelti e riscelti, delle lotte interne con correnti, “correntelle” e affini, ma di certo vedo poche idee e molto ma molto confuse.

So sicuramente che se il Movimento non era bersagliato, anche e soprattutto dai suoi militanti, la Raggi sarebbe stata sfiduciata di corsa, ma Grillo al momento non può farlo secondo me, per non distruggere quanto di buono si è fatto.

D’altronde la vicenda di Pizzarotti, defenestrato molto più velocemente della Virginia, è stata indicativa, e ha evidenziato il calo di consensi derivato dall’episodio ancorché oscuro del sindaco di Parma.

Vedremo come andrà a finire, ma di certo a Roma non si sta facendo una bella figura..

Domenico