Five starssssssssss

Undici milioni di italiani hanno deciso di votare il movimento cinque stelle, ma undici milioni di italiani non bastano a governare da soli….e allora?

Di Maio ha una strada da seguire quello di un accordo politico, non potrà certo aspettarsi di trovare i voti in parlamento senza dare qualcosa a chi eventualmente lo appoggerà….sceglierà questa strada contraddicendo uno degli ideali del movimento, quello del “Nessuna alleanza MAI!!!”?

Nei prossimi giorni secondo me si decideranno le sorti di un movimento, quello di undici milioni di persone che sono scontenti dei partiti tradizionali, i vertici grillini dovranno però fare attenzione a non diventare proprio come quei partiti che osteggiano.

Spadafora intanto plaude all’elezione della prima senatrice della zona, complimenti a Barbara per averci sempre creduto, lo scranno senatoriale è per questo del tutto meritato.

Domenico

Una bella (RI)scoperta…

Sono stato a Bari ultimamente e devo dire che ne sono rimasto impressionato.

Avevo visitato la città per pochissimo tempo molti anni fa, e i ricordi non deponevano a favore della capitale pugliese, mi sono dovuto ricredere.

Ho trovato una città migliorata, con le attrazioni turistiche (vedi lungomare o chiesa di Santo Nicola) valorizzati dalla pulizia, un centro confortevole, dei bei localini e molta ma molta civiltà (cosa sconosciuta dalle nostre parti).

Buon cibo (a prezzi del tutto ragionevoli), molto controllo (con i vigili urbani che pattugliano continuamente il centro cittadino) e un piacere per l’accoglienza al viaggiatore che ormai, almeno nella nostra provincia, abbiamo perso da un bel po’ di tempo.

Certo fuori dal centro ancora c’è da fare molto lavoro, ma complessivamente la città si presenta sicuramente come una citta meritevole di visita.

Non mi interessano i colori politici di chi governa, mi interessa sapere però che i governanti di Bari hanno fatto fare alla loro città un bel salto di qualità.

BRAVI.

Domenico

Un bel viaggio….

E mentre tutta Italia parla di elezioni io parlo di Giuseppe.

Chi è Giuseppe?

L’ho incontrato stamani mentre sgambettavo con la mia “miss orange”, all’inizio mi sembrava il solito cicloturista straniero che attratto dalle nostre bellezze viaggiava a bordo della sua bici visitando il bel paese.

Mi conoscete e sapete benissimo che non riesco a evitare di conoscere la gente che attira la mia curiosità.

Lui non è straniero ma italianissimo, viaggia in sella alla sua bici (con carrello annesso) assaporando la libertà che solo un viaggio in bici può dare.

Viene da Londra e si è fatto tutta la costa italiana per arrivare a Sciacca, adesso sta risalendo scegliendo la costa adriatica per ritornare alle Canarie.

Non ha bici alla moda, ne completini tecnici, ne navigatori ultrasofisticati, si basa su una cartina “cartacea” e sulla sua esperienza di cicloturista alla…vecchia maniera.

È partito quasi per gioco ma poi la voglia di pedalare non lo ha lasciato più, una voglia che ti apre la mente e ti fa pensare a quante cose futili abbiamo nel presente.

Abbiamo parlato poco ma in fondo non serve molto per conoscere una persona

Giuseppe è una bella persona e spero che dalla vita abbia sempre il meglio, perché la vita non è fatta solo di smartphone e macchine di lusso ma anche di quella libertà che a volte fornisce la spinta per andare avanti.

Buon vento Peppe e pedala sempre con la stessa passione con cui parli dei tuoi viaggi passati, e di quell’equilibrio che grazie a quei viaggi hai trovato.

Domenico