Ma come si fa….

Una domanda sorge spontanea quando si sentono certe cose: Ma come si fa?

L’assassino di Graziella Campagna, e non solo di lei, era in libertà condizionata, nonostante un ergastolo, ed è stato arrestato dai carabinieri di Firenze con l’accusa niente di meno che di traffico internazionale di stupefacente.

Insomma per essere pragmatici: un assassino che non ha mai smesso di delinquere

L’uomo 60 anni è rientrato immediatamente in carcere, e ci mancava!!!

La domanda però è quali sono i percorsi che portano all’ottenimento della libertà condizionata? Chi controlla che il criminale a cui questa viene concessa si sia redento o che almeno non delinqui più? E ancora chi controlla che si guadagni da vivere in maniera onesta?

Di fatto uomini e donne sono morti per mano di quest’assassino, un assassino che per fortuna questa volta ritorna dritto dritto da dove era uscito.

Il rientro in carcere non deve far dimenticare la gravità di quanto successo, e soprattutto dovrebbe portare all’allontanamento di chi ha sbagliato, perchè chi ha sbagliato (volontariamente o inconsapevolmente) è più colpevole del colpevole stesso.

Domenico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *