Archivi del mese: maggio 2016

Orgoglio Italiano.

nibali-girone

In un girono in cui un uomo siciliano ha fatto grande l’Italia, un’altro italiano è finalmente tornato a casa.
Si tratta di Vincenzo Nibali lo sportivo che ha fatto amare (anzi riamare) il ciclismo, e Salvatore Girone un uomo che perche ama la sua divisa ha sofferto anni di ingiusta detenzione.

Entrambi ci dicono che si deve avere il coraggio di andare avanti, SEMPRE. Nello sport come nella vita.
Uno non ha mollato nei giorni in cui le “gambe non giravano”, l’altro ha tenuto sempre la “schiena dritta” quando le ingiustizie si accumulavano.
Entrambi a loro modo, con la loro dignità, con il loro coraggio, con la loro grande forza hanno fatto in questi anni grande l’Italia.

Entrambi con la loro faccia da bravi ragazzi, mi hanno fatto risentire il piacere di essere italiano, guardando a quel tricolore che nello sport e nella vita mi suscita sempre un fremito di orgoglio, e per questo li ringrazio….

Domenico

Non dimentichiamoli.

strage capaci

Non c’e’ futuro senza memoria, MAI
23 Maggio 1992, mi ricordo esattamente il momento in cui venni al corrente della strage di Falcone, ero a Piombino (LI) mi apprestavo ad andare al lavoro, quel momento restò in maniera indelebile nella mia memoria, sapevo che tutto sarebbe stato diverso, un pò come avvenne per la morte di Borsellino, un pò come avvenne per l’11 Settembre.

Onore a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Antonio Montinari.

Dimenticarli sarebbe ucciderli per l’ennesima volta.

Mi piace ricordare una frase di Falcone :“Credo che ognuno di noi debba essere giudicato per ciò che ha fatto. Contano le azioni non le parole. Se dovessimo dar credito ai discorsi, saremmo tutti bravi e irreprensibili.”….ecco facciamo fatti e non parole, ogni giorno, in ogni momento della giornata, in ogni pensiero, perche non dobbiamo dimenticare mai che…..la MAFIA E’ UNA MONTAGNA DI MERDA

Domenico

Gli eroi moderni…

13103376_10206536499712937_3130519107721004797_n

I genitori sono disposti a fare tutto per i propri figli, almeno alcuni!
Caterina Rizzo lo è, è una mamma che è disposta ad incatenarsi per la propria ragazza, lottando contro una politica becera, che sull’altare di una programmazione che non c’e’, vuole chiudere il centro di eccelenza di cardiochiururgia di Taormina.
Non conosco benissimo la questione, ma so per certo alcune cose:
A) non si gioca con la salute dei cittadini soprattutto dei giovani cittadini
B) non c’e’ programmazione che tenga (nè economica nè politica) quando sull’altare di presunti, (perche sono solo presunti) risparmi economici si deve costringere gli ammalati a farsi centinaia di chilometri in macchina.
C) la politica siciliana non ha mai fatto nulla di buono, anzi in presenza di eccelenze (in ogni campo) cerca di “mettere il bastone fra le ruote”.

Conosco Caterina e so che non dice le cose a vanvera, so per questo che la chiusura di Taormina checchè ne dicano a Messina, a Palermo, a Roma è una grandissima “minchiata” (permettetemi l’eufemisco siculo).

So anche che lei non smetterà di lottare, perche lei e quelli come lei incarnano gli eroi siciliani, quegli eroi siciliani stanchi di essere governati da chi probabilmnete non sarebbe neppure capace di governare a casa propria.

Vai Caterina io (e molti altri) siamo con te…..non perche ti conosco ma perche lo meriti.

Domenico